Fontana del Chiostro

Largo Angelicum, 1

Il chiostro, iniziato intorno alla fine del XVI secolo e tradizionalmente attribuito al Vignola, fu completato durante i primi anni del Seicento. Lo spazio quadrangolare circondato da portici, formati da ampie arcate (10 nei lati lunghi e 7 nei lati corti) sorrette da pilastri con paraste tuscaniche che si elevano da alti plinti.
Un fregio molto semplice, con triglifi e metope lisce, separa il primo ordine da quello superiore, sul quale si aprono finestre moderne. Al centro del cortile interno, tenuto a giardino, si trova una bella fontana a due invasi: in quello superiore vi sono, in bassorilievo, coppie di angeli che sostengono un emblema mentre tre protomi leonine emettono un getto d'acqua. La fontana alimentata con l'Acqua Felice, l'acquedotto terminato nel 1585 da papa Sisto V, il quale gi durante il suo pontificato concesse al monastero due once d'acqua per rifornire la fontana del chiostro ancora in costruzione.