ROMA SPQR

Indietro Home Collabora Indice La tua attivitÓ Link Libro degli Ospiti

 

Basilica Aemilia

 

M

Colosseo

All'interno del Foro Romano; via dei Fori Imperiali

BUS

53  80  75  87  117  175  186  271  251  810

 

 

 

L'edificio fu costruito per la prima volta nel 179 a.C. a cura dei censori M. Emilio Lepido e M. Fulvio Nobiliore sul sito di una struttura analoga precedente di cui sono stati riconosciuti i resti in un limitato saggio.

La basilica si leg˛ subito al nome della famiglia Emilia che attraverso i suoi rappresentanti si prese cura della manutenzione e dei successivi restauri.

L'ultimo grande restauro fu conseguenza del grande incendio provocato dalla presenza delle truppe gotiche di Alarico, nel 410 d.C.

L'ingresso alla Basilica era direttamente dal Foro attraverso tre diversi accessi. Lo spazio interno era tripartito, come nello schema solito di questi edifici, con due navate pi¨ strette e pi¨ basse e con quella centrale sicuramente pi¨ alta delle altre in modo da creare una sorta di piano rialzato.

Della decorazione esterna e interna abbiamo solo qualche frammento rinvenuto negli scavi dell'area. Su una moneta emessa attorno al 61 a.C. a nome del magistrato M. Emilio Lepido si scorge la facciata di questa basilica con due ordini sovrapposti di sedici  arcate su pilastri con semicolonne, a creare un portico. L'edificio a due piani deve essere quello risultante dagli ultimi restauri curati dal console omonimo in carica nel 78 a.C., con appesi sulla facciata gli scudi rotondi probabilmente di metallo dorato.

Questa facciata verso il Foro doveva essere occupata da una serie di botteghe, come appare anche nella ricostruzione dei moderni restauri, destinate a varie attivitÓ commerciali ma anche, come ci informa Livio, ad attivitÓ di banchieri e cambiavalute.